Adobe svela il nuovo Photoshop CS5

Adobe Photoshop CS5
Come già annunciato sul suo sito web, Adobe ha svelato il nuovissimo Photoshop CS5 e Photoshop CS5 Extended; vediamo insieme le principali novità


Adobe Photoshop CS5 e Photoshop CS5 Extended saranno disponibili come applicazioni standalone o come parte della nuova Creative Suite 5. Entrambi includeranno una nuova interfaccia e una serie di nuovi tools e miglioramenti. La data definitiva di uscita è fissata per Maggio, con un prezzo di 699 dollari per la versione CS5 e 999 dollari per la versione CS5 Extended. Naturamente ci saranno sconti sostanziosi per gli intestatari di licenza del ‘vecchio’ Photoshop CS4.
Ma quali sono le principali novità della versione CS5?
A detta di Bryan O’Neil Hughes, Product Manager di Adobe, si tratta della versione più innovativa di Photoshop mai creata fino ad oggi, e effettivamente non mi sento di dargli torto. 
 

Funzione correzione lenti 
 
Uno dei principali miglioramenti che aiuterà i fotografi è la nuova funzione di correzione lenti. Si troverà direttamente sotto il menù ‘effetti’ piuttosto che in un sottomenù. La correzione della distorsione, dell’aberrazione cromatica e della vignettatura sarà basata su un profilo delle lenti selezionato direttamente dai dati EXIF del file. Photoshop CS5 sarà fornito con una serie di profili per gli obbiettivi più utilizzati. Per quanto non si sappia esattamente quali obbiettivi saranno inclusi nei profili, pare ormai certo che ci siano i più diffusi di Nikon e Canon. Sarà disponible inoltre un’utility per creare profili custom per le proprie lenti. Non è improbabile che in seguito Adobe possa fornire un sistema che consenta agli utenti di condividere i propri profili con gli altri utenti in rete. 
 
Adobe Camera Raw 
 
Il secondo aspetto importante riguarda i miglioramenti di Camera Raw. Adobe Camera Raw, nella versione 6.0 usa lo stesso motore dell’ultimo Adobe Lightroom 3, con il supporto di oltre 300 formati raw. Il team di Adobe ha riscritto il core del software includendo nuovi algoritmi per la riduzione del rumore. Gli utenti potranno scegliere se processare i loro vecchi files con Adobe camera Raw v6.0 o utilizzare il vecchio sistema. 
 
Fotoritocco 
 
Un’altra funzione chiave che è stata aggiornata, e sicuramente si tratta di quella più dispendiosa in termini di tempo, è quella dello strumento di selezione. In questa nuova versione Adobe si è focalizzata nel migliorare il tool “migliora bordo” (refine edge in inglese); un nuovo strumento pennello consente di ‘pulire’ i bordi di una maschera. Questo sarà di immenso aiuto a chi vorrà scontornare elementi molto complessi come per esempio i capelli. Inoltre ci sarà un nuovo checkbox chiamato “decontaminate color” che consentirà di rimuovere l’alone che hanno alcuni oggetti in presenza di un sfondo con molto contrasto. Per il fotografo professionista o il designer significherà risparmire ore ed ore di lavoro!
Un altro strumento, del quale era già trapelata qualche informazione nelle settimane scorse, è il “conten aware fill“. Sostanzialmente diciamo che con il nuovo Photoshop CS5 sarà possibile, con un semplice pennello, selezionare un oggetto da rimuovere dalla scena ed il software stesso provvederà a ‘riempire’ lo spazio automaticamente sulla base dei pixel circostanti. Per le aree di grosse dimensioni invece sarà possibile usare la funzione di riempimento. Una funzione simile a quella fornita dal software Nikon Capure NX2 e che molti di voi avranno già avuto occasione di sperimentare. 
 
Funzione HDR (High Dynamic Range) 
 
Con la crescente popolarità della composizione HDR, Adobe ha migliorato questo strumento, fornendo opzioni per creare immagini HDR dall’aspetto naturale e dal look tipico. Per l’unione di immagini multiple create con un bracketing di esposizione, l’opzione di unione è stata rinominata (in inglese) “Merge to HDR PRO“. L’opzione include una funzione che identifica gli oggetti che si sono ‘mossi’ durante lo scatto a raffica, prendendoli solo da una delle immagini (selezionabile dall’utente). Sarà presente anche una funzione chiamata “HDR Toning” che conferirà il classico look HDR anche alle singole immagini, senza avere la necessità di creare in anticipo una raffica in bracketing di esposizione. Adobe è convinta che questa opzione sarà molto più utilizzata del processo di immagini multiple. 
 
Da un punto di vista squistamente legato allo sviluppo di Phostoshop CS5, Adobe ha seguito un metodo assolutamente innovativo: sono stati ascoltati circa 1.200 utenti per raccogliere informazioni sui possibili miglioramenti. Questo ha portato all’implementazione di circa 400 piccoli miglioramenti nel workflow, che Adobe ha battezzato JDI (Just Do It).
In aggiunta ai processi JDI, Adobe ha reso l’ultilizzo ancora più veloce, con il supporto nativo a 64 bit sia per Mac che per PC e il pieno supporto al multicore e al multiprocessing.
Sulla carta, Adobe Photoshop CS5 sembra essere davvero un software potente ed innovativo; un grande passo avanti al ‘vecchio’ CS4. Ovviamente non vediamo l’ora di poterlo avere sottomano e verificarne la potenza e l’usalbilità.