Alien Skin Bokeh - i plug-in per Photoshop indispensabili

Alien Skin Bokeh

Alien Skin Bokeh è un accurato simulatore di sfocatura da diaframma che consente di ricreare quella profondità di campo che non è presente nelle foto originali


Quante volte è capitato per errore o per un settaggio automatico della propria fotocamera di scattare una foto o un ritratto dove il soggetto principale non ‘esce fuori’ perchè lo sfondo è ancora troppo a fuoco? A me personalmente molto spesso; capita per fretta che un ritratto venga scattato con il diaframma troppo chiuso (non vi preoccupate, chiariremo questo concetto in un post successivo) e lo sfondo risulti troppo a fuoco o che comunque non si stacchi dal soggetto principale.
A questo punto le strade sono due: o si tenta di selezionare accuratamente con Photoshop il soggetto principale e si applica una sfocatura tradizionale allo sfondo, oppure si seleziona e si applica una sfocatura da diaframma usando Alien Skin Bokeh. Nel primo caso vi assicuro che il risultato sarà pessimo! La sfocatura di Photoshop non ha niente a che vedere con il bokeh, che è la sfocatura tipica della scarsa profondità di campo e che ha le sue caratteristiche fisiche che solo Alien Skin Bokeh riesce ad emulare in modo quasi perfetto.
L’effetto applicato da Alien Skin Bokeh può essere creato su un livello a parte, consentendo in questo modo ampia creatività con maschere di livello e quant’altro. Le opzioni sono tante e altamente customizzabili, dal tipo di diaframma alla simulazione della lunghezza focale dell’obbiettivo; è anche possibile scegliere se applicare un bokeh planare o ellittico. Sono presenti svariati preset ed è anche possibile introdurre un effetto di ‘vignetting‘ (oscuramento leggero degli angoli della foto dovuto ad alcuni tipi di obbiettivo).
Una cosa in cui Alien Skin Bokeh è utilissimo è nel ricreare le sfocature delle foto chiamate “Tilt Shift“. Le foto “Tilt Shift” fino a poco tempo fa erano ottenute con degli obbiettivi molto costosi che consentivano correzioni prospettiche o una messa a fuoco selettiva in un unico punto dell’immagine. Con Alien Skin Bokeh è possibile ottenere gli stessi effetti, e cioè in particolare creare delle foto che sembrano delle miniature o dei ‘plastici’. Partendo da una foto di un campo di football è possibile ottenere un effetto paricolarissimo che fa sembrare l’immagine come se fosse una macro di una miniatura (foto di esempio di Greg Keene). Dalla galleria potete vedere come cambia drasticamente il fondale, dando risalto al soggetto principale.
Come sempre vi consiglio di provare tutti i plug-in, stavolta potete scaricare una versione demo dal seguente link: Download Alien Skin Bokeh. Naturalmente aspetto i vostri commenti!

Venerdì, 15 Gennaio 2010 da AlexR in Software

Leggi di più : , , ,




Leggi questa ed altre notizie sul tuo iPhone

Scarica gratis l'applicazione >>


Sottoscrivi questi commenti

Commenti (2)

Ciao!
ho scaricato proprio ora il plugin che hai consigliato, grazie mille!
Poter agire in post-produzione sulla profondità di campo è utilissimo…

Conosci anche qualche buon plugin di riduzione rumore, tipo Neat Image o simili? Quale consigli?

Neat Image è disponibile come Plug-in di photoshop o stand alone. Anche Noise Ninja (http://www.picturecode.com/) è disponibile sia come plug.in che standalone, ma fra i due trovo qualitativamente migliori i risultati di Neat Image.

Aggiungi il tuo commento

Ricorda i miei dati per la prossima volta

Inviami una e-mail quando ci sono altri commenti

Codice di controllo

© 2006-2014 Trilud S.p.A. - P.I: 13059540156 - Tecnozoom, supplemento alla testata giornalistica Tuttogratis.it registrata al Tribunale di Milano n. 314/08

rss

Chiudi
Invia per E-Mail